Santi di Puglia

La Puglia dei santi e dei patroni

 

Le feste in onore di santi e patroni rappresentano l’aspetto più suggestivo della cultura religiosa pugliese. Grandi città e piccoli paesi, dal Gargano al Salento, passando per l’Altopiano delle Murge, annoverano nel proprio passato una vicenda o un momento drammatico, in bilico tra storia e leggenda, superato grazie all’intervento provvidenziale e miracoloso di una figura, maschile o femminile, circondata da un’aurea di santità. È proprio il popolo ad eleggerla a suo protettore o protettrice, al termine di un’epidemia, di una calamità naturale o di una guerra, come dimostrazione di gratitudine e devozione. Umili guardiani di bestiame, falegnami, ma anche guerrieri, guaritori, vescovi, martiri e Madonne, alcuni giunti in questa terra da lontano: sono questi gli eroi della fede cristiana che la Puglia celebra ancora oggi con le sue feste di piazza, in cui sacro e profano inevitabilmente si intrecciano. Nessuna festa è uguale all’altra, nonostante siano molteplici gli elementi comuni: le luminarie, scenografiche e multicolori, le messe seguite dalla processione della statua del santo, portata a spalla dai fedeli o trainata da buoi e cavalli su carri trionfali, per le strade cittadine. L’entusiasmo della gente, che per l’occasione indossa il “vestito buono”, le bancarelle che strabordano di frutta secca, dolciumi e specialità locali, il ritorno in città degli “emigrati”, proprio in coincidenza con la festa, forse per riappropriarsi del luogo d’origine. E infine gli spettacoli pirotecnici, programmati di solito prima della mezzanotte, a suggellare la giornata, nell’attesa, lunga un anno, che i festeggiamenti ricomincino.

Details

Date
6 maggio 2015
Apulian Roots | Santi di Puglia
class="single single-pirenko_portfolios postid-120 samba_theme samba_responsive wpb-js-composer js-comp-ver-4.4.3 vc_responsive"